La postepay

In molti utilizzano la Postepay, che è del circuito VISA, per comprare online e associata al conto Paypal.
In effetti la Postepay è molto comoda e semplice da utilizzare e da qualche mese è possibile richiedere la versione Evolution che prevede anche l'IBAN. Oltre a questa tipologia, esistono diverse Postepay, per tutte le esigenze!


Ma cosa è possibile fare con la Postepay?
Intanto essendo una prepagata è sufficiente ricaricarla solo della cifra che si ha intenzione di spendere per poter stare sicuri che anche in caso venga clonata non ci saranno addebiti indesiderati.
Oltre a ciò, dà la possibilità di pagare i bollettini online, direttamente dal sito delle Poste, evitandoci così le lunghe e fastidiose code agli sportelli.
Anche le raccomandate è possibile inviarle dal sito e pagarle online! E' una bella comodità che evita la scocciatura dell'ufficio postale! Su richiesta, spuntando una semplice casella, è possibile richiedere la ricevuta di ritorno, che in questo caso verrà inviata sulla pagina di messaggistica interna al sito delle Poste ("Bacheca") e con l'autenticazione della propria firma sarà possibile anche mandare raccomandate con firma autografa, cioè che anche se digitale ha la stessa valenza di quella cartacea.
Altri possibili pagamenti online sono l'F24, ricariche telefoniche, multe, canone rai, tasi, tares, bollo auto....ed altri ancora che potete trovare elencati qui.
Tutto ciò che paghiamo online tramite il sito delle Poste, ci verrà confermato all'interno della Bacheca tramite un messaggio e qualche giorno dopo sarà possibile anche trovare la fattura in pdf, scaricabile e stampabile, che funge da prova del pagamento, utile nel caso ci sia necessità di contestare una bolletta già pagata ed eventualità simili. Ciò avviene anche nel caso di invio raccomandata, in modo da avvisarci che l'operazione è andata a buon fine.
Inoltre possiamo ricevere pagamenti su questa carta e pagare a nostra volta un'altra persona. Possiamo anche ritirare tramite bancomat l'importo desiderato, ma solo 250€ al giorno.

Come si ricarica?
Per ricaricare una Postepay basta avere i contanti che si desiderano trasferire sulla carta, andare alle Poste o da un tabaccaio convenzionato o una ricevitoria Sisal, portandoci dietro il nostro codice fiscale o quello della persona che vogliamo ricaricare. Un documento d'identità e ovviamente la Postepay. L'accredito della cifra richiesta sarà istantaneo.
Un altro modo è presso un Postamat, che sono quei bancomat che però si possono usare solo quando si detiene un conto corrente alle Poste e infatti li si trovo spesso nei pressi degli uffici postali.
Oppure si può far ricaricare tramite un'altra Postepay, anche dal sito delle Poste. Anche in questo caso l'occorrente sarà il codice fiscale del possessore della carta, nome e cognome.

Commissioni
Per quel che riguarda le commissioni sull'utilizzo, al momento sono le seguenti:
rilascio carta = 5€
ricarica minima alla richiesta (quindi solo la prima volta) = 5€
ricarica da internet o ufficio postale = 1€
ricarica da Sisal = 2€
pagamento bollettini dal sito = 1€ / 1,23
prelievo da bancomat = 1,75€
Se volete approfondire potete leggere qui e quiio ho scritto solo i costi delle operazioni più frequenti...

La Postepay Evolution
Come scritto prima, questa versione di Postepay è pensata principalmente per piccole aziende, che necessitano di un iban per fare e ricevere bonifici, ma non vogliono pagare i costi di un normale conto in banca. Infatti è possibile anche farsi fare l'accredito dello stipendio proprio come fosse un conto bancario.
In più, si possono prelevare fino a 600€ al giorno contro i 250 della Postepay Standard.
Molte funzionalità sono gratuite e il costo annuale della carta è di 10€ mentre il rilascio è gratuito fino a fine 2015. Per saperne di più potete leggere qui e scaricare il documento completo qui.
La comodità è data anche dal fatto che se si possiede già un conto bancario, finalmente si potrà ricaricare la Postepay tramite bonifico senza più dover andare in giro con i contanti!

Sicurezza
Non si poteva trascurare il capitolo sicurezza! In questo Postepay si è dovuta adeguare allo standard delle banche online, infatti per ogni operazione di pagamento dal sito, ci verrà inviato un codice via sms che inseriremo nel modulo online per completare la ricarica o il pagamento. Chiaramente il nostro numero di cellulare deve essere stato inserito correttamente in fase di registrazione e autenticato, sempre via sms. Questo codice via sms, che si chiama OTP, ci verrà inviato ogni volta che effettueremo quelle operazioni che prevedono l'uscita di denaro dalla carta. Se la prima volta l'abbiamo inserito sbagliato, si può richiederne uno nuovo e volendo anche un altro (poi basta però!).

Riguardo Paypal
La postepay può essere associata al conto Paypal, come qualunque altra carta di credito. In questo caso per completare la procedura di verifica della carta, basterà collegarsi al sito delle poste e da lì controllare il saldo e i movimenti tra i quali vedremo l'addebito col codice da inserire su Paypal per autenticare la carta.
Essendo una carta prepagata, collegandola a Paypal avremo disponibile solo il denaro che vi abbiamo caricato.


Scarica la pagina in pdf per leggerla offline e stamparla
(clicca in alto a destra su "Avanti" nella pagina che si aprirà)

Nessun commento:

Posta un commento

Domande?